SANATORIA TRUFFA ATTENZIONE A FALSE NOTIZIE

Gallery
A seguito della pubblicazione di notizie e dichiarazioni poco chiare relative alla possibilità di ottenere un permesso di soggiorno in caso di denuncia delle truffe subite per la cosiddetta “Sanatoria Colf e Badanti”, abbiamo ricevuto moltissime richieste di chiarimento da parte di cittadini stranieri che si sono rivolti al Naga.
Per evitare gravi conseguenze sulla vita dei cittadini stranieri sentiamo la necessità di chiarire con urgenza che, secondo l’applicazione attuale e prevalente della normativa, purtroppo, se un cittadino straniero  ancora in fase di emersione denuncia il datore di lavoro o il soggetto che lo ha truffato, non ottiene automaticamente un permesso di soggiorno ma rischia di ricevere un’espulsione dal territorio nazionale e addirittura una denuncia a suo carico per aver aggirato le norme sull’emersione.
Tuttavia, come Naga, insieme ad altre associazioni e ai sindacati, ci stiamo battendo affinché la situazione cambi e sia davvero e concretamente possibile per i cittadini stranieri truffati poter denunciare le estorsioni subite così da far emergere i meccanismi truffaldini e discriminanti patiti anche a causa delle pesanti contraddizioni presenti nella sanatoria stessa, peraltro come già sta accadendo attraverso l’intervento dei Pubblici Ministeri dei Tribunali di Verona, Varese,  Massa Carrara, Modena.
Invitiamo, pertanto, tutti i cittadini stranieri a rendersi ben conto dei rischi che potrebbero correre e di rivolgersi agli sportelli delle associazioni e dei sindacati per qualsiasi ulteriore informazione.
Per maggiori informazioni
NAGA  02 58 10 25 99   – 349 16 033 05 –349 16 02 391- 345 67 30 211 –
naga@naga.it

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s